...dal 1949 sulle ali del vento
   

News

15-12-2015 - Finita la prima parte del Campionato Invernale Altura e Monotipi

Finisce in bellezza la prima parte del 41° Campionato Invernale Anzio-Nettuno, ancora una giornata di sole,vento leggero e mare calmo.

Il vento tra i 4 ed i 6 nodi di intensità e direzione  tra i 70° ed i 90°,  ha comunque permesso al Presidente del CdR Mario de Grenet di dare la partenza alla flotta Altura per una regata di non facile lettura che ha messo a dura prova tattici e timonieri, regata poi abbreviata a 4,4 miglia per il calo del vento.

Quinta prova quindi per la flotta Altura vinta in IRC overall dal Farr 31 Pili Pili, Half Ton di Giorgio Martini autore di una bella prova in particolare nel difficile bordeggio in poppa, al secondo posto ancora un Half Ton, Stern-Pragma Multimedia di Morasca/Orestano/Sorge con alla tattica,  per questa regata, il Campione Italiano Master Classe Finn Marco Buglielli, al terzo Blu Tango Blu il First 40.7 di Roberto Rosa.
 Da segnalare l’esordio in regata del nuovissimo XP 33 La cage aux folles di Mario Bellotti,  che ha conquistato il quarto posto.
Nella Classsfica ORC Blu Tango Blu vince di misura su Stern-Pragma Multimedia, al terzo posto Prydwen con alla tattica Pino Stillitano.
In Classe Crociera affermazione netta di Marlin Blu il First 31,7 di Franco Cesarini con al timone Marco Figliolia, al secondo posto il Bavaria 36  Jean Jack the Dreamer di Giovanni Maglionico, al terzo un esordiente Raggio Verde altro Half Ton in legno dei coniugi Franchi.
In Classe Half Ton Pili Pili precede Stern-Pragma Multimedia e Prydwen di Davide Castiglia.
In classifica generale dopo cinque prove ed uno scarto è Prydwen  lo Ziggurat 916 di Davide Castiglia il vincitore  in IRC overall, in Classe Regata ed  in Classe Half Ton di questa prima parte di Campionato, in Classe Crociera affermazione di un convicente Marlin Blu il First 31.7 di Franco Cesarini.



 Nella  flotta J24, la più numerosa in Europa, novità di questa giornata è stato il ritorno di Carmelo Savastano, noto anche per aver ottimizzato, nel suo cantiere di Ansedonia, tantissime barche che ancora competono ad alti livelli.   Regata combattuta fin dalla partenza con Black Flag dopo il primo richiamo generale e la presenza di due arbitri in acqua  per rilevare infrazioni inevitabili in una flotta così numerosa ed agguerrita.

Supremazia consueta della Superba timonata da Ignazio Bonanno, al secondo posto Pelle Nera timonata dal fuoriclasse ungherese Farkas, al terzo Djke al comando di Fabio  Delicati.
La Classifica, dopo otto prove, vede sempre al comando La Superba, seguita da Pelle Nera e Djke che, con soli due punti di distacco tra loro, si contendono il secondo posto.

 E’ Astragalo di Alberto Cappiello  il leader della flotta Platu 25 dopo sette prove, seguito da Bonaventura di Domenico Tulli e da Cumadè di Marco Belcastro

Dopo le regate si è svolta la premiazione al Circolo della Vela di Roma dei primi classificati di    questa prima parte di Campionato.

Il sabato precedente la regata si è svolto un interessante pomeriggio denso di appuntamenti importanti e significativi per la cultura della vela. Al Nettuno Yacht Club è stato presentato il nuovo XP 33 del socio Mario Bellotti, che ha ilustrato il suo ambizioso progetto velico, a seguire al Circolo della Vela di Roma si è svolto dapprima l’incontro con   Andrea Pendibene  protagonista nellla Classe Mini 6.50 ,poi la conferenza concerto di  Roberto Soldatini, direttore di orchestra e violoncellista che ha scelto di vivere in barca e girare il Mediterraneo accompagnato dal suo violoncello.

Tutti in acqua di nuovo il  17 gennaio 2016.