...dal 1949 sulle ali del vento
   

News

09-07-2016 - Elena Celeste a Napoli con le Vele classiche

Dal diario di Bordo di Elena Celeste

La lunga rotta di Elena continua e ci ha portato a Napoli, per un evento da sogno,in un Golfo meraviglioso, tra i più bei legni d Epoca e Classici. Sono visibilmente emozionato alla prima regata, una costiera che ci porterà fino a Nisida e ritorno, partiamo bene ma di  bolina non abbiamo il solito passo forse complici le vele un pò datate, presto veniamo risucchiati dai grandi, tutte barche più lunghe di Elena di parecchio tranne i due Dragoni. Naif, il bel Carter prototipo di Raoul Gardini (Admiral Cupper nel 1973) si mette sopravvento a noi e macina inesorabilmente metri, ma va bene così. Per noi quest anno è la prima volta, e già  basta esserci. La impoppata è bellissima e scendiamo bene ma il ritardo accumulato di bolina non riusciamo a recuperarlo, siamo settimi nel raggruppamento delle Classiche su nove imbarcazioni. A terra l organizzazione è perfetta, il Savoia è sempre all altezza della sua fama, ci scateniamo in una serata nel borgo marinaro sotto Castel dell Ovo, musica in piazzetta e squisite specialità preparate dai ristoranti più quotati.

Il giorno successivo percorso più complesso con quattro boe, anche questa volta partiamo bene, ci presentiamo in boa sesti in reale tra tutti gli Yacht Epoca e Classici( 21 barche), il secondo lato è un traverso mettiamo spi, poi una poppa quindi ancora un traverso sulle altre mure, qui perdiamo strada, la differenza di lunghezza si fa sentire  ed i grandi si allungano, nel quinto e sesto lato manteniamo la nostra posizione ma alla fine in compensato saremo ancora una volta settimi. A terra happy hour di eccezione con specialità napoletane e poi come se non bastasse cena al Circolo. Abbiamo il sorriso stampato sul viso, in altre occasioni mi sarei disperato ed avrei passato il resto del tempo in barca per cercare la regolazione giusta.  Qui no, sono rilassato e gioioso, è incredibile per la prima volta mi basta esserci, del risultato non mi importa molto, questa è Napoli ragazzi! L equipaggio è un pò perplesso ma poi si rilassa e vai mò….

Ci siamo arriva il terzo giorno, la parata e poi l incontro con la Vespucci, seguirà una breve regata costiera. Il defilamento è emozionante, passiamo sotto la Vespucci lentamente a bordo della nave più bella del mondo pronunciano il nome di Elena Celeste e ci rendono gli onori, io sono in estasi e faccio  fatica ad andare dritto, beh ci mancherebbe una collisione per passare alla storia, alla fine però tiro dritto e la Vespucci ci sfila di poppa magnifica.

Seguirà la regata, sempre la solita storia anche se partiamo dalla parte giusta ma rimaniamo imbottigliati per breve tempo, mi libero con una virata sul bordo giusto, ma alla fine n atra vota settimi, evvabbè….La sera cena di gala con musica dal vivo, ed io ho sempre il sorriso sul viso, che mi fossi rincoglionito? ma no è che qui si sta di un bene pazzesco, e poi stamattina La Vespucci e poi incroci mozzafiato con nobili legni come Marga ed Emilia per non parlare di Manitù una delle più belle barche che abbia mai visto…per me è troppo….

Quarta ed ultima giornata vento in calo ed EC c è anche questa volta in partenza, siamo tra i primi e reggiamo bene per tutta la prima bolina, ma poi l incantesimo si ripete ed alla fine saremo n atra vota settimi, ma che bello comunque sto golfo e poi che barche… eh si stavolta il bretone si è  fatto sciogliere dal dolce miele di Napoli e soprattutto dai babà!

Ringrazio tutto l equipaggio: Paola(per la prima volta in regata!), Giuseppe,Ivana,Emanuele,Emanuela, Giovanna,Andrea,l altra Emanuela e poi l insotituibile Pietro compagno di mille battaglie.

Grazie ragazzi, ho realizzato un sogno, ma il prossimo anno i babà non mi fregano!!